Maremma Laziale

La zona nord occidentale del Lazio compresa tra la Toscana, il fiume Marta, il mar Tirreno e  il Lago di Bolsena è la Maremma Laziale.

Terra ricca di vestigia e necropoli che esaltano la storia degli Etruschi, di una ricca macchia mediterranea e caratterizzata da lunghe distese di sabbia selvaggia, la Maremma Laziale è ideale per qualsiasi tipologia di soggiorno, dalla vacanza rilassante a quella culturale, dal soggiorno al mare ai tour enogastronomici.
Il turismo balneare dei mesi estivi si trasforma in turismo archeologico e culturale grazie all’eccellenza artistica di centri come Tarquinia, Tuscania e il Parco Archeologico di Vulci che, confinante con il parco archeologico naturalistico, l’oasi del WWF, attende gli amanti della natura e, riportando alla luce lo splendore della antica città etrusca, è continua meta di visite turistiche.

Il territorio interessa l’intera parte occidentale della provincia di Viterbo, comprendendo i comuni di Montalto di Castro e Tarquinia lungo la fascia costiera e le aree pianeggianti dei territori comunali di Canino e Tuscania nell’entroterra, dove segue le valli dei fiumi Fiora, Arrone e Marta. La zona è caratterizzata da borghi deliziosi che  conservano ancora incontaminato un paesaggio affascinante e un sapore antico, come Piansano, Arlena, Tessennano, Canino, Farnese e Cellere, da importanti eccellenze turistiche come Tuscania e Tarquinia e da comuni sulla costa estremamente attivi soprattutto nella stagione estiva come Montalto di Castro. Anche Tuscania, conosciuta principalmente come centro d’importanza storica e monumentale medioevale e romanica con la Basilica di S. Pietro, vanta una straordinaria presenza etrusca in un  raggio di un paio di chilometri dove sono disseminate sepolture etrusco-romane; molte raccolte in necropoli, altre sparse senza apparente criterio, ma sicuramente legate al complesso abitativo e all’acropoli quale suo centro.

Il paesaggio della Maremma è vario e ricco di panorami e vegetazioni diverse. La storia di questo territorio è legata all’uomo fin dai tempi che si perdono nella preistoria. Oggi la “Maremma Amara” è solo un ricordo perché la fertilità del territorio e le sue risorse turistiche, archeologiche e ambientali ne fanno uno dei territori più sviluppati del Centro Italia. Il paesaggio interno è contraddistinto dalla presenza di altopiani coltivati per lo più a cereali, a colture ortofrutticole o lasciati a pascolo, mentre in prossimità della costa è presente una flora di tipo mediterraneo.

Borghi e Città :

Natura:

Arte e Cultura:

Sapori:

Itinerari:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...